20 ottobre 2016

La Nostra Soluzione

La Società è proprietaria del marchio registrato SMART BAG®, e del brevetto industriale Nr. 0001424511, che offre la soluzione alle esigenze e alle criticità individuate nel campo della raccolta differenziata dei rifiuti urbani, facendo conseguire gli obiettivi individuati dalle leggi vigenti.
Il brevetto industriale ottiene il rapporto di ricerca favorevole dall’European Patent Office con sede in Monaco di Baviera in data 29/01/2015.
Esso migliora ed innova il brevetto mondiale WO 2012/069839 A1 “Waste Management System” depositato il 24/11/2010 dagli inglesi John Venable e Stuart Harbron.
 

Il contenitore intelligente Smart Bag® permette di accertare se la differenziazione dei rifiuti solidi urbani è corretta, consentendo l’esatto riscontro e l’individuazione del produttore dei rifiuti, a cura del Gestore del servizio di igiene urbana.

la-nostra-soluzione-1Ciò perché nelle tecnologie di tracciatura e memorizzazione dati di cui esso è dotato,  sono racchiuse informazioni di tracciabilità rilevanti quali il C.U.I. (codice univoco identificativo) del contenitore, la tipologia del rifiuto solido urbano contenente, il C.U.I. del produttore del rifiuto, che individua anche se l’utenza è di tipo domestica residenziale, non residenziale, artigianale, commerciale, industriale, attraverso l’attuale codice TARI.

Quando all’utente/produttore del rifiuto viene assegnato o ritira il contenitore intelligente (per esempio i sacchetti), l’operatore (per esempio del Comune, o del Gestore del servizio di igiene urbana, o della GDO) assegna al C.U.I. dell’utente lo slot dei contenitori affidati, attraverso le funzionalità del sistema gestionale messo a disposizione.

Il controllo dei medesimi, avviene mediante apposito dispositivo di lettura che, acquisendo il C.U.I. del generico contenitore, permette l’archiviazione e la gestione della verifica dei rifiuti effettuata dall’operatore del sistema di raccolta.

la-nostra-soluzione-2-cassonettiIl contenitore intelligente, pertanto, consente di monitorare la corretta ripartizione dei rifiuti a cura degli utenti, individuando in questo modo quelli meno virtuosi, attraverso la tracciabilità e la provenienza dei contenitori medesimi (considerando come contenitori per esempio i sacchetti).

L’invenzione, pertanto, elimina la possibilità all’utenza di conferire i rifiuti nei contenitori stradali in forma anonima

esercitando un reale controllo sui conferimenti, anche nei comuni che hanno già adottato un piano di raccolta differenziata di tipo domiciliare comunemente detto “porta a porta”, perché l’utente, affidatario del contenitore, è individuato  mediante la lettura dei C.U.I. (codici univoci identificativi) e dei rifiuti che conferisce.

Le modalità di controllo e monitoraggio dei contenitori intelligenti riguardano la copertura dell’intera utenza attiva.

Dopo aver effettuato il monitoraggio dei contenitori intelligenti selezionati, l’operatore ha a disposizione un archivio con il risultato dei controlli effettuati, denominato S.O.F. (Set of Report).

la-nostra-soluzione-3La gestione ed il controllo statistico dell’andamento comportamentale degli utenti fruitori del servizio, consente al Gestore del servizio di igiene urbana, di individuare gli utenti meno virtuosi, e di applicare le relative azioni “correttive” o “incentivanti” verso l’utenza attiva, introducendo ad esempio la tariffa personalizzata.

Infatti, per esempio sarà possibile ridurre la tassa sui rifiuti all’utente che differenzia in maniera corretta, ed aumentarla all’utente meno virtuoso

Oltre a tutto questo Smart Bag® include un accurato sistema di gestione e schedulazione degli itinerari percorsi dai veicoli che, quotidianamente, raccolgono i rifiuti sul territorio urbano e periferico di propria competenza.

Ciò si realizza mediante il monitoraggio e la gestione del parco veicoli in real-time, attraverso l’utilizzo delle tecnologie GPS/GPRS, che si interfacciano ad un software dedicato. Ciò consente il miglioramento dell’organizzazione per quanto attiene la raccolta dei rifiuti e la razionalizzazione delle risorse umane e dei mezzi utilizzati.

Tutto questo andrà ad incidere in maniera rilevante alla riduzione dei costi relativi alle risorse umane e materiali

Per garantire il monitoraggio e la gestione del parco veicoli, è impiegata un’apposita centralina di tracciatura GPS dei veicoli adibiti al recupero dei rifiuti, con la possibilità di monitorare real-time le rotte attraverso l’utilizzo combinato di tecnologie GPRS/UMTS.

la-nostra-soluzione-4I dati degli spostamenti vengono opportunamente campionati, e vengono memorizzati nella memoria locale del controllore GPS dedicato ed inviati attraverso tecnologia GPRS/UMTS ad un server centrale di acquisizione ed immagazzinamento.

Le informazioni sono così disponibili in qualsiasi momento agli operatori del sistema di gestione e controllo.

Top